Territorio

Faicchio è un centro agricolo della valle del Titerno, situato ai piedi del Monte Monaco di Gioia; il territorio, rientrante nei confini del Sannio caudino, presenta cospicue tracce di un passato antico. Il Comune forse corrisponde all'oppidum sannitico Fuifola, situato poco lontano da Telesia, citato da Tito Livio ed espugnato da Quinto Fabio Massimo durante la seconda guerra punica. Nel 1151 Guglielmo I Sanframondo prese possesso del contado di Cerreto, di cui Faicchio era parte. La sua famiglia mantenne la signoria fino alla metà del Quattrocento. Altri feudatari di Faicchio furono gli Origlia, i De Stadio e, dal 1612, i De Martino, di origine napoletana, che lo tennero, prima con il titolo di barone e poi con quello di duca, fino all'abolizione della feudalità. Tra le numerose bellezze architettoniche, di cui si può godere visitando il comune, sono da segnalare i resti di mura e di costruzioni di età sannitica, il ponte di Fabio Massimo e il castello situato nel centro abitato in cui per circa due secoli vissero i De Martino. Durante il Cinquecento il paese fu scelto come residenza vescovile prima del definitivo trasferimento della diocesi telesina a Cerreto.

Faicchio è uno splendido comune beneventano al confine con la provincia di Caserta. Per l’aria salubre, l’amenità del paesaggio e le condizioni atmosferiche favorevoli è uno dei pochi luoghi in Campania dove è possibile allevare il prestigioso Maiale Nero, dalle cui carni si ricavano, attraverso un raffinato processo di lavorazione, salumi dal gusto inimitabile. L’arte Norcina fa da padrona in tutto il territorio, infatti altra prelibatezza degna di nota è il Culatello del Matese. Tale bontà viene realizzata con carni di maiali pesanti almeno due quintali che presentano uno strato di grasso sottocutaneo in grado di conferire ai salumi quelle caratteristiche organolettiche apprezzate dai veri intenditori. L’aria circostante il comune si presenta dunque come un vero e proprio paradiso per gli amanti della carne fresca e dei salumi in modo particolare, in cui l’assaggiatore esperto può bene mettere alla prova il proprio palato con prodotti di altissima qualità e dal più che pregevole gusto.